news

Dalla partnership di Farmacia Meazza 

con Garmin, Aboca ed Enervit,

nasce un'iniziativa che coinvolge sportivi e non,

puntando alla prevenzione del rischio cardiovascolare

e alla diffusione del vivere sano.

 

Per saperne di più potete scaricare la

brochure informativa cliccando il link sottostante.

Leggi

Negli ultimi anni il monitoraggio della pressione arteriosa ha assunto notevole importanza nell’ambito del controllo e della prevenzione della patologie cardiovascolari.

Numerosi studi clinici dimostrano l'allarmante correlazione tra valori pressori elevati e patologie cardiovascolari. 

Gli apparecchi holter sono in grado di rilevare con molta accuratezza le variazioni della pressione arteriosa, rispecchiando maggiormente una situazione reale.

Che cos’è l'holter pressorio ?

Con il termine #holter pressorio si intende il monitoraggio della pressione arteriosa nelle 24 ore, ovvero un test non invasivo che consente di registrare la pressione arteriosa continuativamente per 24 ore, mediante un piccolo apparecchio fissato in vita con una cintura.

A che  cosa serve?

Il monitoraggio pressorio si dimostra utile in molte situazioni:

-nei pazienti che hanno un'ipertensione arteriosa instabile;


-nei pazienti facilmente emozionabili, che di fronte al “camice bianco” del medico hanno sbalzi pressori, ma che a casa hanno una pressione normale;


-nei pazienti ipertesi e già in terapia farmacologica, per controllare se la terapia funziona correttamente in ogni momento della giornata (la pressione alta infatti, danneggia le arterie anche se rimane alta solo per alcune ore della giornata);


-nei pazienti che, pur avendo la pressione arteriosa normale, durante il giorno accusano sintomi che possano ricondurre ad improvvisi sbalzi pressori, quali vertigini, sbandamenti, vampate, sudori freddi, senso di svenimento, epistassi, etc.

Come si effettua l’esame?

Per un'installazione ottimale dell’apparecchio, è opportuno vestirsi con indumenti non aderenti, che permettano di nascondere il piccolo apparecchio ed il bracciale. Il giorno dell’inizio dell’esame, il farmacista sistema apparecchio e bracciale sul paziente, inserisce gli opportuni parametri nell’apparecchio e lo avvia. Il paziente indosserà l’apparecchio per 24 ore. Durante il periodo d'esame, la pressione verrà misurata automaticamente ogni 15 minuti durante il giorno e ogni 30 minuti durante la notte. Trascorse le 24 ore, il paziente tornerà dal farmacista il quale rimuoverà l’apparecchio ed invierà i dati al centro specialistico dove verranno analizzati da un cardiologo. Il referto verrà poi spedito alla farmacia che, di norma, consegna la risposta al paziente alcuni giorni dopo.

Come si prenota l’esame?

Recandosi direttamente in farmacia, oppure telefonicamente, chiamando la farmacia ai numeri: 02-930.22.08 oppure al 347-86.08.648.  

Costi

Il costo dell'esame è di € 45,00.

Leggi

L'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro(AIRC), l'ente dell'Organizzazione Mondiale della Sanità specializzato in oncologia, ha presentato la quarta edizione del Codice Europeo contro il cancro.

Il Codice, realizzato per iniziativa della Commissione Europea, contiene 12 suggerimenti per adottare uno stile di vita sano e mettere in atto nella quotidianità una prevenzione anticancro, poiché la prevenzione è oggi uno degli interventi più importanti per abbattere la mortalità del cancro.

Il documento è stato presentato a Milano dal Dott. Franco Berrino, epidemiologo ed esperto del rapporto tra alimentazione e tumori, che ha collaborato alla revisione del Codice, partecipando al gruppo di lavoro sull’alimentazione. 

“Si stima che se le persone seguissero queste raccomandazioni si potrebbe più che dimezzare l’incidenza dei tumori - spiega il dottor Berrino - Il nemico numero uno resta il tabacco che, purtroppo, non fa più notizia, ma continua ad uccidere. Ogni giorno si contano 15 mila morti. Le multinazionali incassano 900 miliardi di dollari al giorno, in pratica 60 mila dollari per ogni morto. Decine di studi, dimostrano che chi fuma perde, in media, circa 10 anni di vita rispetto a chi non fuma. È  importante smettere a qualsiasi età”.

Un’altra raccomandazione riguarda il radon, un gas radioattivo che c’è nelle nostre case e che va tenuto sotto controllo. Il radon viene emesso dalle pietre di costruzione e ce n’è tanto di più, quanto maggiormente chiudiamo ermeticamente per risparmiare calore.

Un aspetto più che importante per la prevenzione riguarda l’alimentazione. Le ricerche parlano chiaro: bisogna aumentare il consumo di cereali integrali, legumi, verdure e frutta, limitando i cibi ricchi di zucchero, sale e grassi, riducendo le carni rosse ed evitando carni conservate e bevande zuccherate.

“L’obesità è associata a numerose malattie croniche, compresi i tumori - spiega il dottor Berrino - Le ricerche mostrano che i grandi obesi hanno fino a 10 anni di vita in meno rispetto alle persone con un peso normale”.

A questo punto il nuovo Codice Europeo Anticancro definisce i 12 pilastri per ridurre l'incidenza del cancro (cliccate sul link per visionare il filmato) e fare una buona prevenzione:

  1. Non fumare e comunque non fare uso di tabacco.
  2. Non fumare in casa. Appoggiare le politiche contro il fumo sul luogo di lavoro.
  3. Fare in modo di mantenere un peso corporeo salutare.
  4. Mantenersi fisicamente attivi tutti i giorni. Limitare il tempo che si trascorre seduti.
  5. Seguire una dieta sana:  mangiare principalmente cereali integrali, legumi, verdura e frutta; limitare i cibi ad alto contenuto calorico (cibi con alto contenuto di zuccheri e grassi) ed evitare le bevande zuccherate; evitare la carne conservata; limitare la carne rossa ed i cibi ad alto contenuto di sale.
  6. Se si bevono alcolici, limitarne l'assunzione. Per la prevenzione del cancro non è consigliabile bere alcolici.
  7. Evitare lunghe esposizioni al sole, con particolare attenzione ai bambini. Usare le protezioni solari. Non utilizzare lampade solari.
  8. Sul luogo di lavoro, proteggersi dall'esposizione ad agenti cancerogeni seguendo le istruzioni in merito alla sicurezza.
  9. Controllare se in casa si è esposti ad alti livelli di radiazioni radon, in caso affermativo, attivarsi per ridurne i livelli di esposizione.
  10. Per le donne: l'allattamento riduce il rischio di cancro nella donna. Se è possibile, scegliere l'allattamento naturale. La terapia ormonale sostitutiva (HRT) aumenta il rischio di alcuni tipi di cancro. Limitare l'uso dell'HRT.
  11. Assicurarsi che il vostro bambino sia vaccinato per: Epatite B (per i neonati), Papillomavirus - HPV (per le ragazze). 
  12. Aderire ai programmi di screening per il: cancro all'intestino (uomini e donne), cancro al seno (donne), cancro alla cervice (donne).

Leggi

L'attenzione per la salute ed il benessere dell'individuo ha portato la Farmacia Meazza a rivolgere lo sguardo verso un ambito nuovo,  inquadrando la persona nella sua quotidianità ed offrendo ai propri clienti la possibilità di utilizzare uno strumento semplice ed intuitivo per il monitoraggio del ritmo della propria vita.

A questo proposito ha stretto una collaborazione con Garmin, scegliendo Vivofit fitness band.

Vivofit è una fitness band da polso che segue la persona con obiettivi giornalieri personalizzati, ne segue i miglioramenti e gli notifica quando deve fare attività. Memorizza il livello di attività corrente ed assegna un obiettivo giornaliero da raggiungere, conducendo la persona verso uno stile di vita più sano.

Vivofit dispone di diverse funzioni:

1. Orologio: orario e lettura dei movimenti a portata di polso grazie al suo display facile da leggere.

2. Notifiche di inattività: anche se si rischia di perdere la cognizione del tempo e ci si dimentica di fare del moto, Vivofit non se lo dimentica mai. Dopo 1 ora di inattività, sullo schermo viene visualizzata una barra rossa motivazionale che aumenta di dimensioni se permane lo stato di inattività. Per far sparire la barra è sufficiente camminare qualche minuto.

3. Consumo calorico: conta le calorie bruciate durante l'arco della giornata, considerando il metabolismo di base. Sincronizzando la fitness band su Garmin Connect è possibile seguire i progressi verso una forma fisica prestabilita.

4. Indossabile giorno e notte: alla moda, pratico ed impermeabile fino a 50 metri. Da portare 7 giorni su 7 e 24 ore al giorno, Vivofit garantisce la durata della batteria fino a circa un anno.

5. Rileva il tuo cuore: utilizzando la fascia cardio, Vivofit registra la frequenza e le zone cardiache per qualsiasi attività di fitness.

6. Qualità del sonno: al momento di andare a dormire, è possibile impostare la modalità di "riposo" e Vivofit monitorerà il sonno di colui che lo indossa. Sulla pagina di Garmin Connect è possibile visualizzare le ore totali di sonno, nonché i periodi di movimento e di riposo.
Tramite un unico tasto è possibile accedere al menù delle funzioni e sincronizzare Vivofit con Garmin Connect. In questo modo sarà possibile visualizzare il quadro completo dei propri progressi ed organizzare la propria pagina con i dati più importanti, aderire alle sfide online competere e confrontarsi con i propri amici e familiari in tutto il mondo.
Inoltre se già si utilizza un dispositivo fitness Garmin, Vivofit può rilevare i tempi di attività e di riposo tra le sessioni di allenamento, consentendo di analizzare tutti i dati su Garmin Connect. Disponibile su computer o su dispositivo mobile compatibile.Viene fornito con due cinturini dello stesso colore, large e small. Ulteriori cinturini sono disponibili come accessorio opzionale.
Diciamo sì ad uno stile di vita più sano, scegliendo Vivofit come tutor silenzioso!
 
 

Leggi

Fidelity Card

Per te dalla Farmacia Meazza tanti esclusivi vantaggi!

Un'unica card per tre punti vendita: Farmacia Meazza, Pharmabeautyque Via Matteotti 35 in Rho e Pharmabeautyque all'interno del Polo Fieristico Rho-Pero.

 

BENESSERE:

Potrai partecipare alle giornate promozionali su benessere e bellezza promosse dalla Farmacia.

 

APPROFONDIMENTI:

Potrai partecipare alle conferenze in Farmacia, faccia a faccia con gli esperti del settore, approfondendo tematiche diverse in materia di salute e benessere, per te e per la tua famiglia.

 

SCONTI:

I titolari della Fidelity Card potranno ottenere sconti su tanti prodotti del settore NON FARMACO. Gli sconti saranno facilmente individuabili grazie ad una particolare segnalazione.

 

PREMI:

Con la Fidelity Card potrai partecipare all'annuale raccolta punti sugli acquisti del settore NON FARMACO e scegliere tanti bellissimi premi per te e per la tua famiglia, oppure ottenere buoni sconto in valuta.

 

COME OTTENERLA:

Rivolgiti ai Nostri collaboratori, compila con loro l'apposito modulo telematico e riceverai subito e GRATUITAMENTE la tua personale Fidelity Card, ottenendo immediatamente tutti i vantaggi a te riservati.

ATTENZIONE: La Fidelity Card è valida solo per l'acquisto dei NON FARMACI. Restano pertanto esclusi dall'iniziativa tutti i farmaci, in ottemperanza alle vigenti disposizioni di Legge.

Leggi

Che cosa sono

I farmaci antitosse contengono principi attivi che variano a seconda del tipo di disturbo. La tosse comune, quel sintomo tipico dei malanni di stagione, si distingue in due grandi categorie: secca e produttiva.

Nel primo caso la tosse si presenta senza o con poco espettorato (muco), nel secondo caso invece è accompagnata dall’emissione di espettorato in abbondante quantità.

A seconda del tipo di disturbo si può ricorrere a diversi farmaci di automedicazione. Per questo è fondamentale una diagnosi precisa. Il farmacista, o il medico nei casi più gravi, può indirizzare sul rimedio più adatto alle diverse esigenze.

I medicinali antitosse possono essere formulati in sciroppo, compresse, supposte, granulati o gocce.

Sedativi centrali

I sedativi della tosse, detti anche antitussigeni, agiscono reprimendo lo stimolo a tossire e sono indicati per calmare la tosse secca, stizzosa e comunque non produttiva.

L’impulso a tossire proviene infatti da un’area specifica del cervello, il cosiddetto centro della tosse, che si attiva come risposta agli stimoli che provengono dalla trachea e dai bronchi quando sono irritati o infiammati.

I sedativi centrali alleviano la tosse bloccando l’attività di questo centro cerebrale: vanno usati soltanto in assenza di catarro, perché in caso contrario possono essere addirittura controproducenti.

Gli antitussigeni più comunemente utilizzati sono il destrometorfano (otc, ovvero acquistabile senza ricetta), la levodropropizina (otc), la cloperastina (otc) e la codeina (farmaco da prescrizione).

Sedativi periferici

Sono farmaci che non agiscono a livello del centro cerebrale della tosse, ma a livello dell’albero respiratorio.

In pratica inibiscono alcuni specifici recettori situati sull’albero respiratorio: non ricevendo segnali, il cervello, non fa partire lo stimolo della tosse. Anche questi sedativi periferici, come i sedativi centrali, sono indicati soltanto nella tosse secca.

Un esempio di molecola appartenente a questo gruppo è la dropropizina, medicinale vendibile in farmacia senza ricetta.

Mucolitici

I mucolitici agiscono con vari meccanismi d’azione. Quelli più usati rompono le proteine che compongono il muco rendendolo così più fluido e facilitandone l’espulsione da parte di bronchi e trachea.

I farmaci di questa categoria non calmano subito la tosse, come invece fanno i sedativi. Subito dopo l’assunzione, al contrario, si può verificare un aumento dello stimolo a tossire, perché aumenta la presenza di muco da eliminare. I mucolitici più comunemente usati sono: sobrerolo, acetilcisteina, ambroxolo, carbocisteina, bromexina.

Espettoranti

Gli espettoranti agiscono aumentando il volume di fluido e le secrezioni all’interno delle vie aeree in modo da accrescere l’efficacia dell’espulsione attraverso il colpo di tosse.

La maggior parte degli espettoranti sono di origine naturale, come la liquirizia, il timo e l’altea. Uno degli espettoranti più usati è la guaifenesina, disponibile in farmacia senza ricetta medica.

 

 

fonte: saperesalute.it

Leggi

I rimedi floreali di Bach sono costituiti da una serie di 38 infusioni naturali, estratti da fiori silvestri della regione del Galles, in Gran Bretagna. Nello specifico si tratta di 36 fiori, di cui uno coltivato, una gemma ed un'acqua.

Questi rimedi prendono il nome dal loro scopritore, Edward Bach, che li individuò fra il 1926 ed il 1934. Secondo Bach, ognuno di noi è parte di un disegno armonico e perfetto e la malattia è il prodotto della dissonanza tra la nostra mente razionale e la nostra anima. Sosteneva infatti che: "...quando tradiamo gli intendimenti e gli scopi che la nostra anima ha scelto di perseguire, si genera una disarmonia, un conflitto che da emotivo diviene fisico e dal quale emerge la malattia". Bach sosteneva che la malattia potesse insorgere per due motivi distinti: qualora la personalità non viva più in sintonia con l'anima, ma nell'illusione di un'esistenza separata, oppure qualora la personalità rifiuti il principio dell'unità ed agisce contro l'anima.

E' quindi evidente che la floriterapia di Bach non ha un effetto terapeutico dipendente dalle proprietà fitoterapiche delle piante ma si incentra nell'effetto della specifica vibrazione terapeutica del fiore.

Per semplificare e comprendere meglio la filosofia in cui affonda le sue radici la floriterapia di Bach, dobbiamo immaginare il corpo umano costituito da strutture energetiche non visibili all'occhio umano ma il cui stato incide sulla salute del corpo. Queste strutture interagiscono dinamicamente con campi di energia complessi che a loro volta interagiscono col corpo umano fungendo da regolatori. I fiori di Bach agiscono su queste strutture poichè contengono energia di alta frequenza e la vibrazione di ciascun fiore corrisponde ad una specifica emozione positiva e ad una specifica caratteristica dell'anima. In maniera molto semplicistica, quindi, se la persona non è in armonia con sè stessa, si produce una distorsione energetica in una o più delle 38 frequenze, producendo o rinforzando uno stato d'animo negativo, dal quale a lungo andare scaturirà la malattia. L'assunzione dei fiori ripristina l'armonia tra l'anima e la personalità, ristabilendo la giusta vibrazione dell'emozione dissonante. Questo spiega perchè se si assume un fiore con una vibrazione corrispondente ad una emozione non squilibrata, questo non genera alcun effetto.

"...i fiori non guariscono attaccando in maniera diretta la malattia, bensì riempono il nostro corpo con le belle vibrazioni della nostra anima, alla presenza della quale la malattia si scioglie come neve al sole. Non vi è una vera e propria guarigione senza un cambio di orientamento della vita, senza pace nell'anima e senza la felicità interiore".

Provando a conoscere i fiori di Bach un pò più da vicino, possiamo classificarli in 7 gruppi, in relazione alle problematiche su cui vengono impiegati, seppur ogni rimedio si distingue dagli altri per le peculiari emozioni che tratta. In dettaglio:

1. Paura, ansia e panico
2. Incertezza o insicurezza
3. Insufficiente interesse per le circostanza presenti
4. Solitudine
5. Eccessiva sensibilità alle influenze ed idee altrui
6. Depressione e disperazione
7. Eccessiva cura per il benessere degli altri

A queste 7 categorie si aggiunge il Rimedio d'Emergenza, ovvero il Rescue Remedy, l'unica composizione preparata da Bach e costituita da 5 fiori che agiscono nelle situazioni di shock, panico, stress, spaventi e traumi.

La scelta dei fiori per allestire la composizione più adatta a noi, avviene durante il colloquio con l'esperto, mediante un'attenta analisi degli stati d'animo e delle emozioni che la persona sta vivendo. E' tuttavia possibile che la persona, in totale autonomia, possa effettuare consapevolmente la scelta dei fiori ad essa più congeniale, e chiederne poi la preparazione al proprio farmacista. La soluzione preparata dal farmacista viene generalmente assunta 4 volte al giorno, ponendo 4 gocce di soluzione sotto la lingua, ma in stati acuti si può aumentare il dosaggio fino a 4 gocce ogni 10 minuti.

Occorre ricordare che i fiori di Bach non agiscono sempre, ma in funzione della sensibilità e della sintonia che la persona sviluppa per i fiori ed in relazione al tipo di fiore scelto, tenendo sempre presente che anche la disponibilità al cambiamento influisce in maniera significativa sulla resa della terapia. L'assunzione dei fiori non ha alcuna interazione con i farmaci e pertanto si abbina perfettamente a qualsiasi tipo di terapia farmacologica e non.

I fiori di Bach trovano inoltre largo impiego anche in numerose problematiche pediatriche (come la paura dell'abbandono o del buio, la gelosia verso il fratello più piccolo, l'eccesivo attaccamento ad un genitore...) e veterinarie.

La Farmacia Meazza ha spesso ricevuto richieste per la scelta o la sola preparazione di fiori di Bach, pertanto abbiamo pensato di fare cosa gradita ai nostri clienti, inserendo in questo articolo una tabella di riferimento per coloro che intendano avvicinarsi a questo tipo di terapia.

Restiamo a disposizione per eventuali chiarimenti in merito o per supportarvi nella scelta o nella preparazione del rimedio più adatto a voi.

Leggi

Il grande riscontro ottenuto nel corso dell'inaugurazione del reparto "Il Movimento è Salute", svoltasi il 06 Giugno, è motivo d'orgoglio per la Farmacia Meazza.

Ringraziando tutti gli intervenuti, cogliamo l'occasione per informare che nei prossimi giorni verranno concordati gli aspetti organizzativi per i servizi ancora in via di definizione, permettendo a tutti coloro che ne hanno già fatto richiesta, di accedervi.

"Il movimento è salute" è molto più di un reparto della farmacia, rappresenta una vera e propria filosofia di vita, mirata al raggiungimento del proprio benessere fisico, con un occhio di riguardo alla prevenzione ed alla valutazione dei rischi connessi ad uno stile di vita inadeguato alle esigenze del nostro organismo.

Leggi